Video

In caso di comunione dei beni… di chi è la casa?

In caso di matrimonio in regime di comunione dei beni, di chi è la casa costruita sul terreno di proprietà di uno dei due coniugi?

Per poter rispondere a questa domanda bisogna partire dal concetto di accessione.
L’accessione è un principio giuridico in virtù del quale si stabilisce che tutto quello che viene realizzato al di sotto o al di sopra del suolo di proprietà di una persona diventa proprietà appunto della medesima persona.

La corte di cassazione con riferimento alla domanda che ci siamo appena posti, stabilisce proprio con un orientamento ormai consolidato che questo principio valga anche nell’ambito della comunione legale tra coniugi.

Nel caso di specie quindi se Tizio e Caia sposati in comunione legale dei beni costruiscono sul terreno ricevuto da Caia in donazione dai propri genitori, quindi terreno che non rientra nella comunione legale dei beni, se fanno questa costruzione, la costruzione diventa di proprietà esclusiva di Caia.

Quindi la cassazione ha tenuto a preferire questo principio rispetto a quello dell’acquisto automatico della comunione, questo perché va a preferire il fatto che Caia essendo già proprietaria del terreno in automatico espande il proprio diritto anche alla costruzione, dunque non è un nuovo acquisto ma è un’espansione di un diritto già acquisito.

Ovviamente tutto quello che avrà contribuito a mettere Tizio nella costruzione della casa corrisponderà a un diritto di credito nei confronti di Caia; ti ho dato 100000 euro per costruire la casa, la casa è di tua proprietà ma io ho diritto ad avere la restituzione del denaro che ho messo per la sua costruzione.

La casa è quindi di proprietà solo di Caia.

www.notaionaddeo.it
www.gabrielenaddeo.it

Notaio Caselle TorineseNotaio CarmagnolaNotaio San Maurizio Canavese

Related Posts