Video

In caso di comunione dei beni, posso acquistare a titolo personale?

La risposta è sì. In caso di comunione legale dei beni, nei casi previsti dal codice civile all’articolo 179, si può procedere ad acquistare dei beni che rimarranno personali e dunque che non entreranno a far parte della comunione dei beni.

Quali sono questi casi?
L’acquisto per successione o donazione, l’acquisto di beni di uso strettamente personale di uno dei due coniugi, l’acquisto di beni che servono l’esercizio dell’attività professionale di uno dei due coniugi, beni ricevuti a titolo di risarcimento del danno, beni acquistati con il prezzo ricavato dalla vendita dei beni
personali (successioni, donazioni, risarcimento del danno, uso strettamente personale, attività professionale, vendo uno di questi col denaro che ricavo vado a
comprare un altro bene che rimane personale e non entra in comunione).

Stessa sorte nel caso in cui anzichévendere e usare il denaro del ricavato dalla vendita, io scambi direttamente un bene personale con un altro. Anche questo scambiato rimane personale.

Inoltre, è opportuno ricordare che tutti i beni di cui i coniugi erano proprietari prima del matrimonio rimangono ovviamente beni personali.
Non è invece possibile procedere al cosiddetto rifiuto del conquisto, dunque di volta in volta, fuori dai casi specifici che ho sopra elencato e previsti dal codice civile articolo 179 non è possibile dire “non vogliamo che questo bene entri comunione”. Non è ammissibile.

 

www.notaionaddeo.it
www.gabrielenaddeo.it

 

Notaio Caselle TorineseNotaio CarmagnolaNotaio San Maurizio Canavese